Certificazioni medico legali

immagine

Si tratta di certificati sanitari previsti da specifiche norme di legge che attestano l’idoneità e/o determinati requisiti psicofisici del richiedente.

Il Servizio di Medicina Legale accede giornalmente al sistema informativo dell’INPS, per prendere in carico le istanze presentate telematicamente, cioè inserite nel database INPS.

Sulla base della cronologia delle istanze presenti, provvede alla convocazione degli utenti, secondo apposito calendario. Ogni assistito richiedente l’accertamento è convocato a mezzo posta inviata con congruo anticipo (circa 40gg prima).

Nella convocazione vengono specificate:

  • sede della valutazione;
  • data e ora dell'appuntamento;
  • documentazione amministrativa e sanitaria da presentare.

Terminata la vista di accertamento, il personale amministrativo dell’ufficio provvede all’invio dell’intero fascicolo, comprensivo della documentazione sanitaria prodotta dall’utente, al Centro Medico Legale dell’INPS, ente preposto a convalidare o sospendere la proposta di giudizio espresso dalla Commissione Medica del Servizio Medicina Legale dell’ASST di Cremona.

L’inoltro dell’esito finale all’utente è a carico dell’INPS.

I documenti necessari per presentare la domanda di accertamento degli stati invalidanti sono:

  1. certificato medico redatto in forma telematica all’INPS di residenza e rilasciato in copia all’interessato;
  2. presentazione della domanda tramite patronato o direttamente dall’interessato se in possesso del codice Pin rilasciato dall’INPS.

L’interessato richiede la visita per il rilascio di contrassegno per la circolazione e la sosta delle persone disabili. Viene fissata una convocazione a visita ambulatoriale.

Come prenotare la visita per il rilascio del certificato:

Documentazione richiesta:

  • copia carta d'identità

  • verbale di invalidità civile

  • documentazione sanitaria

Come prenotare la visita per rilascio del certificato

Documenti necessari per la visita:

  • Documento d’identità in corso di validità

  • Tessera sanitaria

  • Certificato anamnestico rilasciato dal medico curante

  • Eventuale documentazione sanitaria

  • Certificato di rifrazione lenti (se porta occhiali)

Costo del servizio:

  • € 40,00 per la visita, pagamento da effettuare con apposito modulo pagoPA generato dalla Segreteria

  • € 16,00 per la marca da bollo

Rilascio/Rinnovo patente di guida monocratica

L’utente può prenotare la visita ambulatoriale: 

L’utente dovrà produrre i versamenti per i diritti dovuti al Ministero Infrastrutture e Mobilità Sostenibile e una fotografia formato tessera. Dovrà inoltre compilare l’autocertificazione dei precedenti morbosi.

Rilascio/Rinnovo patente nautica

L’utente può prenotare la visita ambulatoriale: 

La documentazione da produrre è:

  • Visita diabetologica (nel caso in cui l'interessato sia affetto da diabete).
  • Valutazione oculistica con parametri visivi e campo visivo binoculare: dovrà essere specificata la sussistenza di una sensibilità cromatica sufficiente a distinguere rapidamente e con sicurezza colori fondamentali (rosso, verde, blu), un’acuità visiva crepuscolare (OD e OS), assenza di scotoma centrale e paracentrale. Inoltre nel caso di soggetti ultra sessantenni, o diabetici, o affetti da glaucoma o neuro-otticopatie, o da cheratopatie o da malattie degenerative corio retiniche, deve essere accertata la sensibilità al contrasto spaziale.
  • Tempi di reazione a stimoli semplici e complessi, luminosi ed acustici (si effettuano presso la Medicina Legale Territoriale).
  • Altri accertamenti specialistici e/o strumentali: solo se indicati sulla base dell’anamnesi e della visita medica.
  • Marca da bollo di € 16,00.
  • Copia dell’avvenuto pagamento della prestazione da effettuare con PagoPA (pari ad € 63,00).
  • N. 1 fotografia formato tessera.
Rilascio/Rinnovo/Revisione di Patente di guida in Commissione Medica Locale Patenti

La Commissione Medica Locale Patenti è istituita ai sensi dell’art. 330 del regolamento attuativo del Codice della Strada.

Si rivolgono alla Commissione i conducenti:

  • Affetti da minorazioni degli arti
  • Hanno superato i 60 anni di età in possesso di patente categoria D-DE
  • Hanno superato i 65 anni di età in possesso di patente categoria C-CE
  • Sono sottoposti a revisione della patente di guida dalla Prefettura o dall'Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile (M.C.T.C.)
  • Sono sottoposti a revisione della patente di guida per art. 186 CDS (guida in stato di ebbrezza alcolica) o per at. 187 CDS (guida sotto l'influenza di sostanze stupefacenti)
  • Sono affetti da patologie previste dall'art. 320 del regolamento attuativo del Codice della Strada.

Come accedere al servizio
La domanda va presentata dall'interessato con almeno 4 mesi di anticipo dalla scadenza della validità della patente.
L’utente per richiedere l'appuntamento dovrà presentare:

  1. il modulo di domanda compilato.
  2. l’autocertificazione, se si tratta di rinnovo della patente di guida, o il certificato medico (anamnestico), se trattasi di revisione.
  3. ricevuta di pagamento relativa ai costi di gestione pratica stabiliti dalla Ministero delle Infrastrutture e Mobilità sostenibile. 
  4. una fotografia formato tessera.

Per informazioni e appuntamenti
tel. 0372 408608
e-mail: commissionepatenti@asst-cremona.it

Dal 14 febbraio 2022 le pratiche relative ai costi di motorizzazione si pagano solo online.
Clicca qui per maggiori informazioni.

La lavoratrice, qualora presenti gravi complicanze della gravidanza o preesistenti forme morbose, che si presume possano essere aggravate dallo stato di gravidanza, indipendentemente dalla mansione svolta, ha diritto all'astensione obbligatoria dal lavoro per gravidanza a rischio.

Come accedere al servizio
La domanda può essere presentata dall'interessata, o suo delegato, tramite email all'indirizzo medlegale.cremona@asst-cremona.it.

Per il rilascio del provvedimento, è necessario produrre:

  1. originale del certificato medico dello specialista ginecologo (di struttura pubblica/accreditata) attestante la gravidanza a rischio, la patologia da cui è affetta, la settimana di gestazione, la data presunta del parto, la diagnosi e la prognosi;
  2. documento di identità in corso di validità;
  3. dati identificativi del datore di lavoro.

La certificazione medico legale per l’esenzione dall’obbligo di utilizzo delle cinture di sicurezza, e dei dispositivi di ritenuta per bambini, è rrivolta ai sensi dell’art. 172 comma 8 Cds n. 285/92, punto e) "alle persone che risultino, sulla base di certificazione rilasciata dalla unità sanitaria locale o dalle competenti autorità di altro Stato membro delle Comunità europee, affette da patologie particolari o che presentino condizioni fisiche che costituiscono controindicazione specifica all’uso dei dispositivi di ritenuta. Tale certificazione deve indicare la durata di validità, deve recare il simbolo previsto nell’articolo 5 della direttiva 91/671/CEE e deve essere esibita su richiesta degli organi di polizia di cui all’articolo 12”.

Le patologie di maggiore rilevanza per ottenere l’esonero sono:

  • obesità permagna;
  • neostomie esterne in attesa di intervento chirurgico;
  • grandi ascitici;
  • laparocele ed ernia ombelicale permagna;
  • gravissima insufficienza respiratoria;
  • mancanza dei punti d’appoggio (clavicola/sterno/ali iliache);
  • dispositivi cardiaci.

Per le donne in gravidanza il certificato medico viene rilasciato (non dall’U.O.S. Medicina Legale) dal ginecologo curante il quale comproverà le condizioni di rischio particolari conseguenti all’uso delle cinture di sicurezza ai sensi dell’art. 172 comma 8 Cds 285/92, punto f): “le donne in stato di gravidanza sulla base della certificazione rilasciata dal ginecologo curante che comprovi condizioni di rischio particolari conseguenti all’uso delle cinture di sicurezza”.

Come prenotare la visita per il rilascio del certificato

Il certificato è gratuito.