Vaccinazioni per adulti e anziani

immagine

Nel corso dell’età adulta è opportuno sottoporsi alla somministrazione di dosi richiamo per alcuni vaccini, introdurne di nuove e verificare la copertura in merito ad altre.
È importante, soprattutto con l'avanzare degli anni, ricorrere alle vaccinazioni per prevenire malattie che possono portare a complicanze gravi.

Per maggiori informazioni consulta il sito di Regione Lombardia.

È importante offrire attivamente la vaccinazione con vaccino pneumococcico coniugato seguita da una dose di vaccino polisaccaridico (PCV+PPSV).

Riguardo questo vaccino occorre considerare che:

  • bisogna porre attenzione a non invertire l’ordine di somministrazione dei due vaccini, perché ciò comporterebbe una più bassa risposta immune
  • la vaccinazione pneumococcica può essere offerta simultaneamente alla vaccinazione antiinfluenzale, ma può pure essere somministrata indipendentemente e in qualsiasi stagione dell’anno, anche perché mentre l’antiinfluenzale deve essere ripetuta ogni stagione, l’anti-pneumococcica viene somministrata, secondo le attuali indicazioni, in dose singola una sola volta nella vita.

L’Herpes Zoster (meglio conosciuto come Fuoco di Sant’Antonio) è una malattia causata dalla riattivazione del virus della varicella, contratto generalmente nel corso dell’infanzia, che si annida silente nei gangli nervosi e nel midollo spinale.

La frequenza della malattia aumenta con l’età, soprattutto a partire dai 50 anni. Si manifesta con eruzioni cutanee, prevalentemente a livello del torace, con possibilità di comparsa di dolore anche intenso (una nevralgia post-erpetica) che può durare anche diversi mesi.

A chi è rivolto il vaccino anti-Herpes Zoster?

La vaccinazione è offerta gratuitamente a:

  • persone over50 affette da Diabete, BPCO, Cardiopatie, Soggetti candidati a terapie immunosoppressive
  • 65enni (per il 2022: i nati nel 1957)
  • persone nate negli anni 1955, 1956
  • persone over18 con diabete mellito complicato, patologia cardiovascolare severa, BPCO e Asma severa, soggetti con immunodeficienza congenita o acquisita destinati a terapie immunosoppressive, recidive o forme gravi di Herpes Zoster
Quante dosi prevede il vaccino anti-Herpes Zoster?  

Il ciclo prevede due dosi a distanza di due mesi l'una dall'altra. In base alla valutazione medica, tale periodo potrebbe essere ampliato fino a sei mesi. 

Il vaccino anti-Herpes Zoster è considerato sicuro?

È sicuro e generalmente ben tollerato, particolarmente efficace nei casi di forme gravi e complicanze della malattia.

Quali sono gli effetti collaterali del vaccino anti-Herpes Zoster?

Gli effetti collaterali più comuni dopo la somministrazione del vaccino anti-Herpes Zoster includono dolore, gonfiore e rossore a livello del punto di iniezione, febbre. Effetti collaterali più gravi, come reazioni allergiche importanti o anafilattiche, sono molto rari.

Come posso prenotare il vaccino anti-Herpes Zoster?

Servizio Vaccinale di Cremona
Edificio A - Via Belgiardino, 6
tel. 0372 408616, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 11.30
e-mail: vaccinazioni@asst-cremona.it

Servizio Vaccinale di Casalmaggiore
Palazzo Opere Pie - Piazza Garibaldi, 3
tel. 0375 284132, dal marte al giovedì, dalle 13.30 alle 15.30
e-mail: vaccinazioni.casal@asst-cremona.it

 

Insieme alle misure di igiene e di protezione individuale, la vaccinazione è lo strumento più efficace e sicuro per prevenire l'influenza stagionale. La vaccinazione viene offerta attivamente e gratuitamente alle persone che, per patologia o status in coerenza con quanto definito dal Ministero della Salute, sono a maggior rischio di complicanze nel caso contraggano l'influenza.

L’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Coronavirus ha reso inoltre indispensabile rafforzare la capacità di reazione in tempi brevi del sistema sanitario. Per la stagione 2021-2022, a causa del permanere dell’emergenza COVID-19, anche al fine di facilitare la diagnosi differenziale nelle fasce d’età a maggiore rischio di complicanze, la vaccinazione antinfluenzale è fortemente raccomandata.

La vaccinazione anti-influenzale è raccomandata per gli ultra 65enni e per le persone fragili. Viene somministrata annualmente tra novembre e dicembre, per ridurre complicanze, ospedalizzazioni e morti dovute a tale infezione.

Nel corso dell’età adulta è opportuno somministrare ogni 10 anni il vaccino anti difterite-tetano-pertosse, vaccino inattivato, con dosaggio per adulto, che deve essere offerto in modo attivo.

È importante anche verificare lo stato di suscettibilità per morbillo, rosolia, parotite e varicella ed eventualmente eseguire 2 dosi di vaccino MPR, vivo attenuato (anche ai soggetti suscettibili a una sola delle tre malattie)

Per soggetti in particolari categorie di rischio e per le donne in età fertile è possibile richiedere gratuitamente la vaccinazione anti-varicella.

Quando ti rechi a fare una vaccinazione, devi sempre portare con te:

  • documento d'identità
  • tessera sanitaria
  • tesserino delle vaccinazioni

Nel caso in cui quest'ultimo sia stato perso o non sia possibile portarlo, ti verrà consegnato un documento che attesta l'avvenuta vaccinazione.

Servizio Vaccinale di Cremona
Edificio A - Via Belgiardino, 6
tel. 0372 408616, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 11.30
vaccinazioni.casal@asst-cremona.it

Servizio Vaccinale di Casalmaggiore
Palazzo Opere Pie - Piazza Garibaldi, 3
tel. 0375 284132, dal marte al giovedì, dalle 13.30 alle 15.30
e-mail: vaccinazioni.casal@asst-cremona.it