Richiedere ausili e presidi

immagine

Presso l'Ufficio Ausili vengono erogate le seguenti prestazioni:
•    Fornitura presidi monouso per incontinenza ad assorbenza (pannoloni)
•    Fornitura presidi per incontinenza a raccolta (cateteri, stomie)
•    Fornitura ausili per automonitoraggio glicemia per diabetici
•    Fornitura prodotti dietetici per celiachia
•    Fornitura prodotti dietetici per nefropatia e altre intolleranze
•    Ossigeno / Ventilo Terapia Domiciliare
•    Nutrizione Artificiale Domiciliare (Enterale e Parenterale)
•    Erogazione diretta Farmaci e presidi per Malattie Rare

L'interessato, o un familiare, si presenta all’Ufficio Ausili del presidio territoriale di residenza per la definizione del Piano Terapeutico, con la seguente documentazione:
•    Tessera Sanitaria - Carta Nazionale dei Servizi (TS-CNS) ed eventuale esenzione del ticket
•    Piano Terapeutico del Medico Specialista di struttura pubblica accreditata o, nei soli casi di pannoloni e diabete non complicato, del Medico di famiglia attestante la motivazione clinica della richiesta, tipo del presidio richiesto e fabbisogno.

Ad alcune categorie di cittadini, affetti da particolari patologie che causano disabilità, viene garantita la fornitura di:

  • ausili protesici personalizzati quali: protesi d’arto, protesi acustica, protesi oculare, protesi mammaria, busto ortopedico, calzature ortopediche, plantari, carrozzina, sistemi di postura, ausili per la comunicazione, ausili per la vista, ecc …);
  • ausili per l’assistenza e gestione a domicilio quali: letto ortopedico, materasso antidecubito, sollevatore, carrozzina di serie, sedia per WC e doccia, rialzo per WC.

Gli aventi diritto alle protesi sono:

  • le persone con invalidità civile, di guerra e per servizio, le persone con cecità totale o parziale o ipovedenti gravi e le persone sorde, in relazione alle menomazioni accertate dalle competenti commissioni mediche;
  • i minori di anni 18 che necessitano di un intervento di prevenzione, cura e riabilitazione di un’invalidità grave e permanente;
  • le persone con invalidità civile, di guerra e per servizio, le persone con cecità totale o parziale o ipovedenti gravi e le persone sorde, affette da gravissime patologie evolutive o degenerative che hanno determinato menomazioni permanenti insorte in epoca successiva al riconoscimento dell’invalidità, in relazione alle medesime menomazioni, accertate dal medico specialista;
  • le persone che hanno presentato istanza di riconoscimento dell’invalidità cui siano state accertate, dalle competenti commissioni mediche , menomazioni che comportano una riduzione della capacità lavorativa superiore ad un terzo, in relazione alle suddette menomazioni;
  • le persone in attesa di accertamento dell’invalidità per le quali il medico specialista prescrittore attesti la necessità ed urgenza di una protesi, di un’ortesi o di un ausilio per la tempestiva attivazione di un piano riabilitativo-assistenziale, in relazione alle menomazioni certificate ai fini del riconoscimento dell’invalidità;
  • le persone ricoverate in una struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, per le quali il medico responsabile dell’unità operativa certifichi la presenza di una menomazione grave e permanente e la necessità e l’urgenza dell’applicazione di una protesi, di un’ortesi o di un ausilio prima della dimissione. Contestualmente deve essere avviata la procedura per il riconoscimento dell’invalidità;
  • le persone amputate di arto, le donne con malformazione congenita che comporti l’assenza di una o di entrambe le mammelle o della sola ghiandola mammaria ovvero che abbiano subito un intervento di mastectomia e le persone che abbiano subito un intervento demolitore dell’occhio, in relazione alle suddette menomazioni;
  • le persone laringo-tracheostomizzate;
  • le persone affette da una malattia rara, in relazione alle menomazioni correlate alla malattia;
  • le persone con grave disabilità transitoria, assistite in regime di ospedalizzazione domiciliare, di dimissione protetta o di assistenza domiciliare integrata, su prescrizione dello specialista.

L'interessato, o un familiare, può rivolgersi all’Ufficio Protesi del presidio territoriale di residenza per informazioni/completamento pratica fornitura, senza alcuna documentazione, essendo di norma l’intero processo gestito informaticamente tra specialista prescrittore, fornitore accreditato e Ufficio Protesi.

Ufficio Ausili - Cremona
Tel 0372 497508530 - 375
Fax 0372 497672 - 590
assterritoriale@asst-cremona.it

Ufficio Protesi - Cremona
Tel 0372 497367
Fax 0372 497574
uffprotesi.cremona@asst-cremona.it

 

Ufficio Protesi – Ossigenoterapia, Nutrizione ed Erogazione Farmaci Malattie Rare - Oglio Po
Tel 0375 284170
uffprotesi.casal@asst-cremona.it
Orari di apertura al pubblico: lunedì - venerdì, 8.30 - 14.00

Ufficio Protesi - Oglio Po
Tel 0375 284130 - 284133
uffprotesi.casal@asst-cremona.it
Orari di apertura al pubblico: lunedì e giovedì, 8.30 – 14; martedì, 8.30 – 12.30