Percorsi di cura per pazienti cronici

immagine

Dai primi mesi del 2018 è stato attivato, in Lombardia, un nuovo modello di presa in carico per i cittadini affetti da patologie croniche.

Nel nuovo modello un medico gestore organizza tutti i servizi sanitari e sociosanitari per rispondere ai bisogni del singolo paziente, programmando prestazioni ed interventi di cura specifici, prescrivendo le cure farmacologiche più appropriate, alleggerendo così il paziente dalla responsabilità di prenotare visite ed esami.

In ottemporenza a quanto previsto da questo modello, l’ASST di Cremona ha attivato il Centro Servizi in due sedi: Ospedale di Cremona e Ospedale Oglio Po.

Ospedale di Cremona (piano Terra)
dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 16
Tel 0372 408404  e-mail centroservizi.cremona@asst-cremona.it

Ospedale Oglio Po (1° Piano)
dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 16
Tel 0375 281428  e-mail centroservizi.casalmaggiore@asst-cremona.it

Numero verde 800 638 638

CASE MANAGER

Infermieri

  • Giovanna Allegri
  • Daniela Mainardi
  • Elisabetta Sguaita

DISABILITY MANAGER

Fisioterapista

  • Manuela Monfredini

CLINICAL MANAGER

Medici

  • Patrizia Ruggeri
  • Antonia Cielo 

PERSONALE AMMINISTRATIVO

  • Cristiana Ponzoni

PROCESS OWNER R.I.C.C.A.

Infermiere

  • Gianmario Pedretti

CASE MANAGER

Infermieri

  • Cristina Agazzi
  • Serena Ghezzi
  • Raffaella Pasetti

Assistenti Sanitari

  • Donata Azzali
  • Fernanda  Somenzi

CLINICAL MANAGER

Medico

  • Massimo Carini 
  • Paolo Marconi

PERSONALE AMMINISTRATIVO

  • Benedetta Lucotti

PROCESS OWNER R.I.C.C.A.

Infermiere

  • Gianmario Pedretti

Chi ci lavora? 
Il Centro servizi è uno spazio fisico, fatto di persone che accompagnano i pazienti. Un luogo all’interno del quale opera un’equipe integrata costituita da medici, infermieri, assistenti sanitari, fisioterapisti, facilitatori e collaboratori amministrativi.

Di cosa si occupa?
Di accogliere, orientare, sostenere e accompagnare i pazienti con una o più patologie croniche, attraverso la sottoscrizione del patto di cura e la gestione del loro percorso di cura. Questo accade attraverso la valutazione muldimensionale di ogni singolo caso, la redazione del Piano Assistenziale Individuale (PAI) che contiene tutte le prestazioni programmabili da effettuare nell’arco di un anno. Ciò accade in stretta collaborazione con il Medico di Famiglia e gli specialisti di branca.

Cosa cambia per il paziente?
A cambiare non sono gli interlocutori, ma il metodo. La vera novità è che per le prestazioni contenute nel PAI il paziente non deve preoccuparsi di ricette e prenotazione, ci pensano gli operatori del Centro Servizi.

Chi può rivolgersi al Centro Servizi?
Tutti pazienti con una o più patologie croniche che desiderano informazioni rispetto al nuovo modello di presa in carico, tutti i cittadini che hanno già ricevuto la lettera di Regione Lombardia.