Informazioni

immagine

COVID-19 è la malattia causata da un nuovo coronavirus chiamato SARS-CoV-2. L'OMS ha appreso per la prima volta di questo nuovo virus il 31 dicembre 2019, in seguito a una segnalazione di un gruppo di casi di "polmonite virale" a Wuhan, nella Repubblica popolare cinese.

I sintomi più comuni di COVID-19 sono:

  • Febbre
  • Tosse secca
  • Fatica

Altri sintomi che sono meno comuni e possono interessare alcuni pazienti includono:

  • Perdita di gusto o odore
  • Congestione nasale
  • Congiuntivite (nota anche come occhi rossi)
  • Gola infiammata
  • Mal di testa
  • Dolore muscolare o articolare
  • Diversi tipi di eruzioni cutanee
  • Nausea o vomito
  • Diarrea
  • Brividi o vertigini

I sintomi gravi della malattia COVID-19 includono:

  • Fiato corto
  • Perdita di appetito
  • Confusione
  • Dolore o pressione persistenti al petto
  • Alta temperatura (superiore a 38 ° C)

Altri sintomi gravi meno comuni sono:

  • Irritabilità
  • Confusione
  • Riduzione della coscienza (a volte associata a convulsioni)
  • Ansia
  • Depressione
  • Disordini del sonno
  • Complicazioni neurologiche più gravi e rare come ictus, infiammazione cerebrale, delirio e danni ai nervi

Per informazioni di carattere generale sul Coronavirus, non presenti su questo sito: chiamare il numero di pubblica utilità nazionale 1500;

Se riscontri sintomi sospetti da Covid-19: non andare al Pronto soccorso, ma contatta il tuo Medico di base o il Numero Unico di continuità assistenziale (Guardia medica) al 116 117 o il numero verde regionale 800.89.45.45 

In caso di febbre alta e/o sintomi respiratori gravi: contattare subito il numero 112 senza recarsi al Pronto Soccorso.

  1. Lavati spesso le mani (almeno 20 secondi)
  2. Indossa la mascherina per uscire di casa
  3. Evita il contatto con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
  4. Se ti rechi al supermercato, in farmacia o in un altro luogo pubblico, mantieni sempre la distanza di almeno 1 metro dagli altri
  5. Quando esci di casa, evita luoghi affollati o raggruppamenti di persone
  6. Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
  7. Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci (utilizza il gomito per ripararti, non la mano!)
  8. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico
  9. Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
  10. In caso di dubbi NON recarti al Pronto Soccorso: se pensi di essere stato contagiato chiama il medico di base i il 112

Il tampone è un test molecolare per rilevare il virus nel campione biologico raccolto dal naso e / o dalla gola con un tampone, attraverso la ricerca del materiale genetico virale (RNA). Per questo motivo, viene utilizzato per confermare un'infezione attiva, di solito entro pochi giorni dall'esposizione e nel momento in cui possono iniziare i sintomi.

MODALITA' DI ACCESSO

Il tampone viene richiesto dal proprio medico per persone che presentano sintomi e sono state a contatto con un caso certo di COVID-19. 
Il attesa dell’esito del tampone la persona deve stare in isolamento fiduciario.
Se negativo si conclude il periodo di isolamento.
Se positivo viene classificato come caso e si procede nell’isolamento obbligatorio con tutte le disposizioni conseguenti (compreso isolamento fiduciario dei contatti stretti).

Il tampone può essere richiesto anche dal cittadino senza prescrizione medica. Per maggiori dettagli clicca qui.

DOVE

Ospedale di Cremona: Padiglione 8 - Ingresso via Cà del ferro
Ospedale Oglio Po: Ambulatorio Tamponi - ingresso via Staffolo, 51

ORARI APERTURA

Ospedale di Cremona: dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 14.30 - Sabato dalle 7.45 alle 10.30
Ospedale Oglio Po: dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 13 - Sabato dalle 8.30 alle 10.30

ESITO TAMPONI 
  • Telefona al numero 375 5451049, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 15
  • Scrivi a tamponi@asst-cremona.it (allegare carta d'identità e tessera sanitaria dell'interessato, se su delega allegare anche carta d'identità del delegato).
  • Scarica i referti on-line. Vedi come.

 

 

I test sierologici servono per capire se una persona è entrata in contatto con il virus e ha sviluppato una risposta immunitaria (produzione di anticorpi). Attraverso i test sierologici è infatti possibile andare ad individuare gli anticorpi prodotti dal nostro sistema immunitario in risposta al virus.
I test sierologici sono uno strumento utile a stimare la diffusione dell’infezione in una popolazione, sono pertanto principalmente utilizzati per finalità di tipo epidemiologico e nell’ambito di politiche di Sanità Pubblica.
Questo tipo di indagine non ha una finalità di tipo diagnostico, infatti:

  • un risultato positivo al test indica che si è entrati in contatto con il virus ma non dà garanzia di protezione immunologica dall’infezione, non indica se un soggetto è protetto e per quanto tempo o se il soggetto è guarito e, pertanto, se può essere ancora contagioso.
  • un risultato negativo al test può avere diversi significati: il soggetto non è stato infettato da SARS-CoV-2, oppure è stato infettato molto recentemente (meno di 8-10 giorni prima) e non ha ancora sviluppato la risposta anticorpale al virus, oppure è stato infettato ma il titolo di anticorpi che ha sviluppato è, al momento dell’esecuzione del test, al di sotto del livello di rilevazione del test. Per tanto il soggetto può essere contagioso.
  • Solo l’esecuzione di un tampone per la ricerca del RNA virale può diagnosticare, in quel preciso momento, l’infezione da SARS-CoV-2 nel soggetto. Il test sierologico pertanto non può sostituire il tampone.

MODALITA' DI ACCESSO

Proposta degli operatori ATS alle seguenti categorie di persone in isolamento fiduciario per i seguenti motivi:

  1. sintomatici, con quadri simil influenzali, segnalati da MMG/PLS/CA ad ATS che non presentano in anamnesi evidenza di contatto con caso positivo;
  2. hanno  avuto contatti con casi positivi sintomatici, identificati da ATS a seguito di indagine epidemiologica;
  3. hanno avuto contatti con casi positivi asintomatici, identificati da ATS a seguito di indagine epidemiologica.

Tali soggetti non effettuano il tampone nasofaringeo per ricerca di SARS-CoV-2, e attualmente concludono l’isolamento domiciliare fiduciario dopo 14 giorni di clinica silente (1 e 2), e/o dall’ultimo contatto con il caso (3).
E’ necessario che il cittadino a cui viene proposto il test in oggetto, da parte di operatori della ATS, aderisca in maniera volontaria e sia a conoscenza del significato dell’esito e delle azioni conseguenti.  

Di seguito le specifiche circa l’esito del test e circa le azioni conseguenti che dovranno essere rispettate:

  • in caso di esito negativo del test, questo indica l’assenza di infezione pregressa o un livello molto basso di IgG dirette contro il virus 
  • in caso di esito del test dubbio il soggetto è invitato a ripetere il test dopo una settimana, prolungando di conseguenza l’isolamento fiduciario;
  • in caso di esito positivo del test il soggetto effettua il tampone nasofaringeo per ricerca di RNA virale: se negativo si conclude il periodo di isolamento, se positivo viene classificato come caso e si procede nell’isolamento obbligatorio con tutte le disposizioni conseguenti (compreso isolamento fiduciario dei contatti stretti). In attesa dell’esito del tampone, si prosegue con l’isolamento fiduciario.
     

 

Il vaccino induce il nostro organismo ad attivare un meccanismo di protezione (quale la produzione di anticorpi) capace di prevenire l'ingresso nelle nostre cellule del virus responsabile di COVID-19 e di prevenire quindi l'insorgere della malattia.

I vaccini autorizzati in Italia sono attualmente tre:

NOME VACCINO TIPO ETA' SOMMINISTRAZIONE N.DOSI TEMPO TRA DOSI COPERTURA DOPO EFFICACIA CONTRO SARS-CoV-2 EFFICACIA CONTRO VARIANTI
Comirnaty-Pfizer/BioNtech RNA (parte del genoma virale)   dai 16 anni 2 21giorni   7 giorni 95% in fase di studio
Moderna

RNA (parte del genoma virale)

  dai 18 anni 2 28 giorni 14 giorni 95% in fase di studio
Astrazeneca Vettori virali inattivati    18-65 2 10 settimane 15 giorni 60% in fase di studio

 

I vaccini sono sicuri

Come indica la tabella possono essere necessari alcuni giorni dopo la seconda dose del vaccino per sviluppare la protezione contro il COVID-19. Pertanto bisogna continuare ad usare la mascherina e mantenere il distanziamento anche dopo essere vaccinati.

L’obiettivo della campagna di vaccinazione della popolazione è prevenire le morti da COVID-19 e raggiungere al più presto l'immunità di gregge per il SARS-CoV2. La campagna è partita il 27 dicembre in forma dimostrativa in Italia ed Europa con il vaccine day.
I vaccini saranno offerti gratuitamente a tutta la popolazione, secondo un ordine di priorità, che tiene conto del rischio di malattia, dei tipi di vaccino e della loro disponibilità.

FASE 1: GENNAIO-MARZO

  • Operatori sanitari e socio-sanitari
  • Ospiti RSA
  • Popolazione over 80
  • Insegnati e personale scolastico 

FASE 2: APRILE-GIUGNO

  • Popolazione over 50
  • Persone con comorbilità severa, immunodeficienza e/o fragilità
  • Gruppi a rischio elevato di malattia grave o morte

FASE 3: LUGLIO-SETTEMBRE

  • Persone con comorbilità moderata
  • Insegnati e personale scolastico rimanente
  • Lavoratori di servizi essenziali e settori a rischio
  • Carceri e comunità

FASE 4: OTTOBRE-DICEMBRE

  • Tutto il resto della popolazione

Resta aggiornato seguendo le nostre ultime notizie.

Il SERD dell’ASST di Cremona ha attivato un servizio di assistenza a distanza per persone con dipendenza da gioco d’azzardo. Un operatore dedicato è a vostra disposizione per ascoltarvi, consigliarvi ed orientarvi. Insieme sarà anche possibile valutare l’attivazione di percorsi di trattamento anche a distanza. L'helpline è attiva da lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 15

CHIAMA IL NUMERO 338 9430610

UN FILO DIRETTO CON LE DONNE
La realtà moderna vede un incremento delle donne giocatrici, spesso in difficoltà perché si trovano a dover affrontare il problema in solitudine. Il SERD dell’ASST Cremona ha quindi attivato anche un servizio dedicato esclusivamente alle donne che stanno vivendo un problema con il gioco d’azzardo, personale o in famiglia. L'helpline è attiva da lunedì al venerdì, dalle 16 alle 20

CHIAMA IL NUMERO 335 5931509

Entrambi i servizi di sostegno sono gratuiti, si può accedere anche in anonimato, tramite telefono o email.

L’epidemia da coronavirus ha determinato un radicale cambiamento delle nostre abitudini di vita con gravi ripercussioni a livello emotivo oltre al danno per la salute della popolazione. La presenza dei sintomi e la comunicazione di aver contratto la malattia, l’isolamento obbligatorio, l’attesa del referto, l’aver avuto un contatto stretto con persone ammalate, la malattia di un familiare, il senso di colpa per aver trasmesso la malattia a persone vicine, sono tutti fattori di elevato stress emotivo. Anche i comportamenti irrazionali messi in atto come corsa all'accaparramento di generi alimentari o dispositivi di protezione è un segno della forte sollecitazione emotiva dell'intera collettività. 

L’ASST di Cremona ha attivato una Help-line, raggiungibile anche tramite Whatsapp, tutti i giorni feriali, dalle 9 alle 16, attraverso cui i cittadini possono avere un contatto con uno psicologo per via telefonica o applicazioni di videochiamata.  

Verrà quindi eseguita una valutazione indirizzando la persona ai servizi utili per avere un aiuto (servizio di psicologia, consultorio, neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza e centro psico sociale) sia on line oppure che con un contatto diretto se le problematiche presentate lo richiedono.

Il servizio è svolto dal Centro Psico Sociale, Unità Operativa di Psichiatria dell’ASST di Cremona.

CHIAMA IL NUMERO 338 9430610

Gli operatori del Consultorio di Cremona sono disponibili per informazioni e consulenze telefoniche per il sostegno alla gravidanza, nel dopo parto e allattamento, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 17.

 

CHIAMA IL NUMERO 335 6606685

Nel fine settimana, il servizio è offerto dall'Associazione Donne Senza Frontiere. Una socia ostetrica, professionista di lunga esperienza sia nell’assistenza di donne italiane che straniere, sarà a disposizione per le consulenze telefoniche dalle 11 alle 13.

CHIAMA IL NUMERO  333 1053916